Che stipendio deve avere una collaboratrice domestica?
Che stipendio deve avere una collaboratrice domestica?
DoEmploy
19 luglio 2021

Che stipendio deve avere una collaboratrice domestica?

Il Contratto Collettivo Nazionale del Lavoro indica la retribuzione minima per le varie tipologie di lavori domestici.

Tali minimi retributivi sono fissati nelle Tabelle A, B, C, D, E, G, H, I o L allegate al Contratto e devono essere rivalutati annualmente secondo quanto espresso dal successivo articolo 38.

Questi valori decorrono dall’1 gennaio 2022 e saranno quindi oggetto di rivalutazione, con decorrenza dal mese di gennaio 2023.

Cerchi una figura domestica come Badante, Colf, Babysitter?
Trovala subito su DoEmploy

Gli aspetti più importanti sono: 

  • aumenti di busta paga per colf e badanti

  • aumento indennità 

  • aiuti alle famiglie 

  • risparmio per le badanti notturne

Nell'assumere una badante, colf o babysitter, sia i datori di lavoro che le collaboratrice devono tener conto delle seguenti tabelle.

Stipendio minimo per ogni categoria di collaboratrice domestica

Leggi cosa sono i livelli di inquadramento

LivelliTabella A: Lavoratori conviventiTabella B: Retribuzione lavoratori conviventi ad orario ridottoTabella C: Retribuzione lavoratori non conviventi (valori orari)Tabella D-E Retribuzione minima assistenza e presenza notturnaTabella G: Retribuzione minima lavoratori articolo 14: assistenza a persone non autosufficienti stipendio orario
A€ 645,50-€ 4,69--
AS€ 762,88-€ 5,53--
B€ 821,56 € 586,83€ 5,86--
BS€ 880,24€ 616,18€ 6,22€ 1012,27 (assistenza notturna)-
C€ 938,94€ 680,71€ 6,57--
CS€ 997,61-€ 6,93€ 1147,24 (assistenza notturna)€ 7,45
D€ 1.173,65 (+ indennità €173,55)-€ 7,99-
DS€1.232,33 (+ indennità €173,55)-€ 8,33€ 1417,21 (assistenza notturna)€ 8,98
Livello Unico (presenza notturna)---€ 677,78 (presenza notturna)-

Indennità

Tabella H: Indennità Baby sitter fino al 6′ anno del bambino Tabella I: Indennità addetto a più persone non autosufficienti Tabella L: Indennità lavoratori certificati UNI11766 Tabella F: Indennità vitto e alloggio
Pranzo e/o colazione---
Cena---
Alloggio---
Totale---
Livello AS--
Livello B€ 8,00 (valori mensili)
Livello BS€ 115,76 (valori mensili) € 0,70 (valori orari) € 81,10 (valori mensili) lavoratori tabella B-€ 10,00 (valori mensili)Pranzo e colazione € 1,96 Cena € 1,96 Alloggio € 1,69 Totale indennità € 5,61
Livello CS-€ 100,00 (valori mensili) € 0,58(valori orari)€ 10,00 (valori mensili)
Livello DS-€ 100,00 (valori mensili) € 0,58(valori orari)-

Inoltre, il CCNL stabilisce che nel caso in cui la collaboratrice deve lavorare la domenica - stabilita come giorno di riposo  o -  o in una giornata indicata nell'articolo 16, il datore di lavoro deve aumentare la retribuzione del 60%.

Al collaboratore poi potrà essere richiesta una prestazione lavorativa che va oltre l'orario stabilito, sia di giorno che di notte, a meno che non intervenga un giustificato motivo di impedimento. In nessun caso comunque, il lavoro straordinario dovrà intaccare il diritto al riposo giornaliero.

Viene considerato lavoro straordinario quello che supera la durata giornaliera o settimanale massima fissata all'art. 14,comma 1, lett. a) e b), salvo che il prolungamento sia stato in precedenza concordato per il recupero di ore non lavorate.

Lo straordinario è compensato con la retribuzione globale di fatto oraria così maggiorata:

  • del 25%, se prestato dalle ore 6.00 alle ore 22.00;

  • del 50%, se prestato dalle ore 22.00 alle ore 6.00;

Il nuovo contratto prevede:

  • aumento dello stipendio orario di 0,70 euro per le babysitter che assistono bambini con un'età inferiore di 6 anni.

  • aumento dello stipendio orario di 0,43 euro per le badanti inquadrate con un livello BS o DS che si occupano di più di un anziano non autosufficiente.

  • aumento di stipendio mensile di 10 euro per i lavoratori inquadrati nei livelli B, BS, CS e DS in possesso di certificazione di qualità di cui alla norma tecnica UNI 11766:2019 in corso di validità.

Conclusione

Il CCNL stabilisce degli stipendi minimi per i vari livelli di inquadramento: addetto alle pulizie, badante convivente, badante notturna, assistente familiare, ecc.

Dunque, per sapere che stipendio minimo proporre nell'annuncio di lavoro (leggi dove puoi cercare collaboratrici domestiche), il datore di lavoro deve sapere le retribuzioni stabilite nel contratto collettivo.

Nella lettera di assunzione, dovrà essere quindi specificato sia il livello di inquadramento, sia lo stipendio, che non può essere inferiore a quello stabilito dalle suddette tabelle.

Leggi altri articoli

Pubblica un'offerta di lavoro

DoEmploy

La nostra missione è quella di cambiare il mercato del lavoro domestico per soddisfare al meglio le esigenze dei collaboratori e dei datori di lavoro.

Menu

Trova collaboratori
Trova lavoro
Blog
Chi Siamo

Contatti

contact@doemploy.app

Social

2022 © Domestic Employment LTD. All rights Reserved