Detrazioni badante sul 730, come funzionano?
Detrazioni badante sul 730, come funzionano?
DoEmploy
6 settembre 2022

Detrazioni badante sul 730, come funzionano?

Possibile per il datore di lavoro ottenere delle detrazioni fiscali in relazione ai costi sostenuti per la badante?

La risposta è affermativa, è consentito avere uno sgravio economico per chi ha assunto una badante, in forma di detrazione fiscale e di deduzione.

Questi aiuti che lo stato riconosce a chi assume una badante appartengono a due categorie distinte: esistono sia la detrazione fiscale che la deduzione.

Cerchi una figura domestica come Badante, Colf, Babysitter?
Trovala subito su DoEmploy

Sgravi fiscali sul 730, come funzionano: la detrazione fiscale

Con "detrazione fiscale" si intende una riduzione dell'Irpef (al lordo), mentre con la "deduzione" ci si riferisce ad una aliquota minore per l'Irpef, dovuta ad un abbassamento del reddito tassabile.

La detrazione consente di abbassare per l'Irpef il 19% del compenso della badante, per un tetto di 2100 euro che non può essere superato.

Per ottenere la detrazione, devono sussistere i seguenti requisiti:

  • la persona assistita non deve essere autosufficiente

  • il reddito totale del datore di lavoro non deve superare le 40.000 euro annue

Ovviamente lo stato di non autosufficienza deve essere documentato da un certificato medico, e la badante ingaggiata deve avere un inquadramento DS o CS. (come previsto dal CCNL nazionale)

La condizione di non autosufficienza (qualsiasi sia la causa che ha portato questa condizione) prevede che:

  • la persona non sia autonoma nella cura e nella gestione personale (anche dell'espletamento delle proprie funzioni fisiologiche)

  • non sia in grado di occuparsi da sola della propria nutrizione

  • non sia in grado di deambulare senza aiuti

  • abbia necessità di un controllo continuo

Un tipico esempio di persona non autosufficiente è, a vari gradi di livello di gravità, quella che è affetta da demenza.

La detrazione Irpef del 19% è ottenibile da chi paga effettivamente la badante, quindi si riferirà alla sua dichiarazione dei redditi; può quindi essere richiesta da un familiare e non dalla persona assistita stessa.

Come detto prima, il costo deducibile per la detrazione è al massimo di 2100 euro, pertanto la detrazione avrà un valore massimo di 399 euro.

Si dovrà dimostrare il compenso della badante, attraverso la sua tracciabilità (ad esempio, il datore può pagare la badante con bonifico e altri metodi come c/c postale e/o MAV ma mai in contanti), che per legge è obbligatoria.

Quindi dovrà essere sempre tenuto di conto ogni prova che dimostri sia l'assunzione della badante che i pagamenti versati all'Inps.

Per dimostrare le spese e ottenere la detrazione fiscale, si dovranno inserire sul 730, nel quando E-Oneri e Spese, con il codice 15.

Si dovrà quindi inserire la spesa effettivamente sostenuta, entro i 2100 euro.

Sgravi fiscali per quanto versato a livello previdenziale per la badante: la deduzione

Vi è, come detto prima, anche la possibilità di effettuare una deduzione dal reddito lordo prima del calcolo delle tasse, con un tetto massimo di 1.549,37 euro.

La deduzione si riferisce esclusivamente ai contributi versati di tipo previdenziale e assistenziale.

Inoltre questo sgravio fiscale è valido anche se si è assunta una badante che si occupa di una persona autosufficiente.

Ricordiamo che per richiedere queste agevolazioni fiscali è necessario riferirsi al 730 del 2022, entro il 30 settembre.

Hai difficoltà nel calcolare lo stipendio della tua badante?

In questo articolo abbiamo parlato di detrazioni fiscali, argomento certamente non semplice se non si è autonomi della propria gestione finanziaria.

Anche il calcolo dello stipendio della badante è una procedura non semplice, dovendosi anche basare su quanto regola il CCNL vigente in merito al lavoro domestico.

Noi di DoEmploy abbiamo realizzato uno speciale strumento, che è possibile utilizzare subito visto che si trova sul nostro sito: si tratta del calcolo online della busta paga che vale per una badante come per qualsiasi collaboratore domestico (anche una colf, una babysitter..).

Basta inserire il tipo di contratto, le ore settimanali lavorate e il livello di inquadramento: in pochi istanti si avrà un prospetto di busta paga comprensivo di contributi e trattenute.

Per una busta paga ancora più precisa, noi di DoEmploy abbiamo realizzato la app DoEmploy: Busta Paga Domestico finalizzata a tenere sotto controllo ogni aspetto del rapporto di collaborazione con la propria badante.

Si potranno inserire le assenze (retribuite e non), gli orari di lavoro, gli straordinari.. tutto questo per generare una busta paga coerente con quanto espresso dal CCNL attuale, che calcoli anche le trattenute per la badante, le varie indennità, costi aggiuntivi per il datore di lavoro.

Il questo modo il rapporto lavorativo sarà maggiormente evidente a entrambi e in tempo reale, sotto ogni punto di vista: si può invitare la propria badante sulla applicazione e condividere con lei ogni dato inserito.

Consigliamo vivamente l'utilizzo della applicazione, che contiamo possa essere di grande aiuto nel mondo del lavoro domestico, agevolando sia i datori di lavoro che i loro dipendenti.

Inizia la tua esperienza con DoEmploy

Per prima cosa - hai già trovato o assunto un collaboratore domestico?

Leggi altri articoli