Sostituzione di una badante in ferie o in malattia
Sostituzione di una badante in ferie o in malattia
DoEmploy
23 settembre 2022

Sostituzione di una badante in ferie o in malattia

Può capitare di dover sostituire una badante in malattia o in ferie.

Infatti, l'assistito che non può ricorrere a cure parentali nel periodo di assenza della badante, ha la necessità di ricevere il medesimo accudimento.

Pertanto, la badante assente per un determinato periodo, deve essere sostituita.

L'assunzione di una nuova badante "temporanea" può avvenire secondo legge sia ad ore, solo per i fine settimana, oppure può coprire integralmente l'orario lavorativo, effettuando una vera e propria sostituzione della badante non presente.

Cosa può fare il datore di lavoro se ha questa necessità? Deve stipulare un nuovo contratto, con durata riferita al periodo di assenza della badante.

Secondo le leggi in vigore, per sostituire una badante in ferie o in malattia si può assumere un’altra badante, che si può prendere sia a ore, o solo per il week end o in totale sostituzione della propria badante non presente. Nel caso di assunzione di una badante per la copertura dell’assenza della propria, il contratto regolare di assunzione deve essere fatto solo per il breve periodo di assenza per ferie o malattia della propria badante. Il datore di lavoro deve in tal caso stipulare un contratto di lavoro a tempo determinato per sostituzione.

Cerchi una figura domestica come Badante, Colf, Babysitter?
Trovala subito su DoEmploy

Sostituzione badante per ferie o malattia: contratto a tempo determinato

Il contratto che deve essere stipulato per sostituzione badante, prevede le stesse aliquote del lavoro a tempo indeterminato, con la differenza che con una retribuzione più bassa si pagano meno contributi.

Il contratto a tempo determinato decorre fino al tempo della sua naturale scadenza, non è necessaria avvisare l'Inps ma solo versare i contributi per la cessazione del rapporto di lavoro.

Come stipulare il contratto?

Per rendere valido il contratto con la badante in sostituzione, per ferie o malattia, il datore di lavoro deve indicare la sua causale sul sito Inps.

Se il periodo di ferie o di malattia viene prolungato per qualsiasi causa, il periodo a tempo determinato può essere prolungato e ciò deve essere sempre comunicato all'Inps, accedendo al menu Assunzioni -> Servizi al cittadino e andando alla voce Variazione del rapporto di lavoro, inserendo il tempo di proroga e ricevere la relativa ricevuta da stampare.

Per comunicare l'assunzione della badante "temporanea" si deve sempre fare riferimento al sito dell'Inps.

Ciò si può fare:

  • attraverso il sito Inps, accedendo con PIN o credenziali SPID, e andando alla sezione Assunzioni

  • attraverso il call center dell'Inps chiamando il numero 803.154 da rete fissa o il numero 06.164.164 da cellulare

Costi per la badante assunta per sostituzione

I costi possono non essere gli stessi stabiliti nel contratto con la badante già assunta e non presente per ferie o malattia.

Prima di tutto bisognerà verificare quante ore effettivamente verrà impiegata, come detto in precedenza.

In base alle necessità orarie ci si potrà riferire alle retribuzioni previste dal CCNL vigente che stabilisce la paga minima lorda in base ai livelli di inquadramento.

Per dare un aiuto effettivo nel fare la generazione di buste paga, sia per la badante "di ruolo" e quella di sostituzione, si può usare il nostro strumento di calcolo online della busta paga che permetterà al datore di lavoro di avere una stima del costo mensile da sostenere, comprensivo di contributi, cas.sa colf, t.f.r e tredicesima.

Siamo anche andati ben oltre, creando la app DoEmploy: Busta Paga Domestico che permette di gestire ogni aspetto del lavoro con la propria badante: turni di lavoro, assenze retribuite o non retribuite, straordinari... tutti i benefici contrattuali vengono calcolati in pochi clic, così come le trattenute a carico del o della dipendente.

Inoltre, è possibile gestire più dipendenti abilitando la funzione plus, e in ogni caso si può invitare la badante a condividere l'applicazione e i dati inclusi, in modo da rendere il rapporto più chiaro da ambo le parti, in modo semplice e istantaneo.


 

Inizia la tua esperienza con DoEmploy

Per prima cosa - hai già trovato o assunto un collaboratore domestico?

Leggi altri articoli