Colf e badanti: come funziona il periodo di prova
Colf e badanti: come funziona il periodo di prova
DoEmploy
16 settembre 2022

Colf e badanti: come funziona il periodo di prova

Spesso sentiamo parlare di periodo di prova per i collaboratori domestici, in particolare colf e badanti.

Con "periodo di prova" si intende quel lasso temporale in cui entrambi, ovvero la colf o la badante, e il datore di lavoro, possono decidere di annullare la collaborazione, senza bisogno di dare un motivo o fornire un preavviso.

Per essere valido, il periodo di prova deve essere inserito nella lettera di assunzione.

Cerchi un lavoro domestico come badante, colf, babysitter?
Trovalo subito su DoEmploy

Periodo di prova per collaboratori domestici come colf per badanti: regole e limiti

Per poter rendere effettivo il periodo di prova, è necessario che questo aderisca a determinati requisiti.

  • la colf o la badante non deve aver già svolto mansioni presso il datore di lavoro

  • nella lettera di assunzione deve essere stabilito il periodo di prova, che non può iniziare dopo l'inizio della collaborazione

  • durante il periodo di prova devono essere svolte mansioni previste nella lettera di assunzione

  • non vi deve essere un periodo di prova al di fuori di quanto stabilito nella lettera di assunzione

  • la colf o la badante non devono essere state inviate, tramite agenzia, dal medesimo datore di lavoro in cui si svolgerà il periodo di prova

Durante il periodo di prova, è possibile sciogliere il contratto, ma solo dopo che la colf o la badante abbiano potuto dare prova della sua capacità lavorativa.

Il CCNL determina il periodo minimo che deve trascorrere prima della disdetta del contratto e quindi il periodo minimo del periodo di prova (i giudici però hanno dato la possibilità di ridurre il periodo di prova della metà rispetto a quanto stabilito dal Contratto Nazionale Collettivo Nazionale riferito a colf e badanti).

Vediamo quali sono i periodi di riferimento, in base al loro inquadramento contrattuale, per colf e badanti, citando il CCNL vigente:

I lavoratori inquadrati nei livelli D) e D super) ed i lavoratori operanti in regime di convivenza indipendentemente dal livello di inquadramento, sono soggetti ad un periodo di prova regolarmente retribuito di 30 giorni di lavoro effettivo. Per i restanti rapporti di lavoro, il periodo di prova è di 8 giorni di lavoro effettivo.Il periodo di prova può essere sospeso in caso di malattia o infortunio della colf/badante.

Durante il periodo di prova il contratto può essere sciolto dalla colf e dal datore di lavoro in qualsiasi momento.

Se non vi è alcuna risoluzione del contratto durante il periodo di prova, la colf o la badante viene assunta in automatico.

Se interviene una cessazione preventiva, la colf o la badante dovrà essere retribuita per il lavoro prestato, come stabilito dal CCNL attuale.

Inizia la tua esperienza con DoEmploy

Per prima cosa - hai già trovato o assunto un collaboratore domestico?

Leggi altri articoli